Consultorio familiare

"Di pensiero in pensier".
Scultura di Maria Crespellani, Foto di Luigi Puddu

I NOSTRI SERVIZI

Il Consultorio Familiare ONLUS svolge le attività ed offre i servizi previsti dalle leggi, nazionali e regionali, istitutive della struttura consultoriale (Legge n° 405/1975 e Legge regionale n° 44/1976), e ha definito nel tempo la propria operatività secondo modalità specifiche, quasi una “identità in movimento”, connessa con la propria storia, con la lettura dei bisogni portati dall'utenza, con le caratteristiche dei propri interventi e con la presenza di alcune figure portanti.

Oggetto privilegiato del lavoro consultoriale sono gli affetti, le emozioni, le relazioni familiari. Pertanto scopo principale del Consultorio è garantire prestazioni psico-socio-sanitarie integrate relative al singolo, al rapporto di coppia, all’educazione sessuale, alla procreazione libera e consapevole, alla tutela della gravidanza e del parto, alla prevenzione dell’interruzione volontaria della gravidanza, al rapporto genitori figli e allo scambio generazionale.

La prima accoglienza in Consultorio viene svolta dalla consulente coniugale e familiare, dall’assistente sociale, dall'ostetrica e dagli specialisti delle aree sanitaria, psicologica e giuridica, i quali attraverso un ascolto attento delle singole situazioni, del problema portato e dei bisogni sottostanti ad esso, informano gli utenti sul modo in cui nel Consultorio ci si può occupare di loro.

Gli operatori del Consultorio si incontrano regolarmente in gruppo per aree di lavoro, e in equipe interdisciplinare. Essi rispondono alle richieste degli utenti, attivando le risorse sociali del territorio in cui sono inseriti e valorizzando la loro soggettività, aiutandoli a raggiungere una maggior comprensione di sé stessi, e una consapevolezza non solo del proprio disagio o delle proprie ferite, ma anche delle proprie risorse.

Il Consultorio è aperto a tutti, italiani e stranieri; si accede su appuntamento ed è richiesto un documento sanitario.

E' previsto inoltre il pagamento del ticket nei casi definiti dalla normativa regionale.